Stagione teatrale

Tra il Sacro ed il profano, la musica iberica dei secc. XVI-XIX

24-04-2022.jpg

domenica 24 Aprile 2022

17:30

Chiesa di San Bartolomeo

ANTIQUA VOX 2022

Ignacio Ribas Taléns órgano

Antonio de Cabezón (Castrillo de Mota de judíos, Burgos,1510 – Madrid, 1666) Tiento sobre “la Salve”

Juan Bautista Cabanilles (Algemesí, 1644 – Valencia, 1712) Xácara

Vicente Rodríguez (Ontinyent, 1690 – Valencia, 1760) Cinco versos y una pastorela sobre el “Pange Lingua”

Antonio Soler (Olot, 1729- San Lorenzo del Escorial, 1783) Versos de “Regina Coeli”

Rafael Anglés(Ráfales, Teruel, 1730 – Valencia, 1816) Sonata nº 29 en sol mayor (Allegro)

Antonio Correa Braga (S. XVII – 1704) Batalla de 6º tono

La penisola iberica è stata ricchissima di compositori, tutti ottimi improvvisatori e le loro opere sono una traccia della loro arte viva, non certo esercizi per principianti dell'arte di suonare l'organo.

Tra le infinite selezioni possibili, vengono proposti qui sei nomi che rappresentano un buon esempio del processo evolutivo degli stili dell'organo iberico attraverso un repertorio organistico che spazia dal XVI all'inizio del XIX secolo.

Il Sito utilizza cookies analitici e di profilazione, anche di terze parti, quali l’incrocio tra informazioni raccolte attraverso diverse funzionalità del sito, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti utili ad inviargli messaggi promozionali in linea con le loro preferenze manifestate durante la navigazione in rete. Se vuoi saperne di più clicca qui.
Se prosegui nella navigazione mediante l’accesso ad altra area del sito o selezionando un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link), manifesti il tuo consenso all’uso dei cookies.